Come ingrandire le immagini senza perdere la qualità Quasi magico!

Come ingrandire le immagini senza perdere la qualità Quasi magico!

Uno dei grandi vantaggi dell’intelligenza artificiale è la sua capacità di ottenere effetti fino a poco tempo fa impensabili in campi come la fotografia o la musica. Quindi, abbiamo IA che compongono il death metal in un live streaming infinito, o algoritmi che creano persone che non esistono, rendendo sempre più piccola la linea che separa il reale da tutto il resto.

Parlando di elaborazione delle immagini, attualmente abbiamo editor come Photoshop (e il suo algoritmo “Preserve Details 2.0”) che ci permettono di ingrandire le fotografie utilizzando la suddetta intelligenza artificiale. Fortunatamente, ci sono anche strumenti gratuiti con cui possiamo trattare le nostre foto a bassa risoluzione e convertirle in immagini più grandi senza che la foto sia sfocata o pixelata. Nel post di oggi abbiamo parlato dell’app AI Image Enlarger.

Come convertire le foto a bassa risoluzione in immagini più grandi senza perdere la qualità

AI Image Enlarger è un programma freeware disponibile per Windows e Mac (download QUI), sebbene abbia anche una versione online che possiamo visitare QUI. Il suo funzionamento è il più basilare: aggiungiamo una fotografia e la carichiamo sull’application server indicando alcuni dettagli per il trattamento dell’immagine. Dopo pochi secondi, lo strumento restituirà un collegamento all’immagine già elaborata per il download.

Il programma consente 2 opzioni di configurazione:

  • Immagine: Il sistema ci permette di scegliere tra “Picture”, “Photo”, “Face” o “High level”.
  • Rapporti: L’applicazione offre la possibilità di moltiplicare x2 o x4 la dimensione originale dell’immagine.

Allo stesso modo, l’immagine deve essere inferiore a 3 MB e inferiore a 800 × 750 pixel.

Dopo aver testato l’applicazione con diverse foto di esempio, abbiamo riscontrato che funziona particolarmente bene con immagini di circa 480 pixel. Da lì possiamo ingrandire le immagini fino a risoluzioni di 2280p x 1920p mantenendo una qualità delle più rispettabili.

LEGGERE:  Come registrare le chiamate WhatsApp

Un’altra cosa è che proviamo ad ingrandire foto o miniature a risoluzione molto bassa (100 pixel o meno). Qui l’algoritmo incontra molti più problemi nel riprodurre i dettagli su una scala più ampia ei risultati sono altamente artificiali.

Ingrandimento di immagini SD fino a risoluzioni 2K

Per darci un’idea della sua efficacia, abbiamo aggiunto un paio di scatti di esempio. A sinistra, un selfie a bassa risoluzione (720x480p) ea destra, quella stessa immagine potenziata dall’intelligenza artificiale fino alla risoluzione 2K.

In quest’altra immagine di esempio abbiamo utilizzato un paesaggio boscoso. A sinistra, la fotografia originale 689x480p (e del peso di 158 KB) e accanto ad essa, la stessa immagine ingrandita 4 volte fino a 2756 × 1920 pixel. La verità è che non è affatto male!

Tuttavia, se ingrandiamo e guardiamo i dettagli, rileveremo determinati modelli. Sono abbastanza sottili, ma devi ammettere che ci sono. Ora, anche se capisco che non è uno strumento che userebbe un professionista che vive di questo, funziona davvero bene in casa. In questo senso può essere un’ottima soluzione se abbiamo foto di qualche anno fa, di dimensioni ridotte, e vogliamo ingrandirle, inquadrarle o utilizzarle come sfondo sul nostro monitor Full HD +.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *